Primo giorno a Londra by J. Corradi

Ed eccoci qui, finalmente a Londra con l’associazione Sportiva-Mente Liberi, (www.sportivamenteliberi.org) dopo il tanto parlarne in Tv – sentirla per Radio e vederla sulle prima pagine dei giornali, non sembra vero essere passati in poche ore dal reportage della sagra di San Bartolomeo ai London Paralympics Games 2012.

Il viaggio in aereo da Malpensa con l’amico fotografo Manuel Giacometti (Shamirs.com) e responsabile dell’associazione, insieme a Manuela Nicolini in qualità di fotografa, Miranda Bolsieri, (Presidente dell’ass.) , e William Giacometti (seg. ass.) in veste di writer-impressions, è risultato regolare.

Le condizioni meteo della prima giornata trascorsa nel Regno Unito sono state buone: nuvole bianche nel cielo e alcune goccioline di pioggia.

Ombrello e kway sempre pronti in zaino, perchÈ come Ë noto Ë zona sempre grigia metereologicamente.

L’arrivo nel primo pomeriggio in aereo è poi stato trascorso fra corse di treni e metrò, abbiamo visitato una piccola parte di città, in serata siamo stati al MPC center, Media Press Center, per validare il nostro accredito, con il quale viaggiare su tutti i mezzi pubblici della citt‡ ed entrare nei luoghi di gara, come fotografi (nelle zone riservate ad esse).

La sicurezza qui a Londra è al di sopra di ogni aspettativa : mai vista in nessun film d’azione tanta movimentazione di persone e mezzi.

Dai 4-5 metal dedector (più sensibili dell’ aereoporto) per entrare nei vari settori dell’Olympic Park, controllo scrupoloso degli zaini, scarico dell’acqua in bottiglia – poliziotti – vigili – cani anti-bomba- cancelli – recinti – cordoni di filo spinato – cordoni di chiodi – telecamere di video sorveglianza ad ogni angolo. Incredibile, ma molto bello !

Organizzazione al Top, in ogni strada si trovano i volontari vestiti di color viola i quali ti sanno spiegare, indirizzarti o aiutarti a risolvere qualunque sia tua richiesta. ( spesso gesticolando, ci si capisce meglio) ehehe.

SOTTO TROVATE UN PO’ DI SCATTI DELLE GIORNATA.

Nei prossimi giorni vi aggiorno, un saluto da Juri Corradi.

 

 

Lascia un commento